Marx, marxismo: tra «renaissance» teorica e storia

Scritto da
Martedì 7 marzo 2017, alle ore 18.00 nell'Aula magna del Liceo cantonale di Lugano 1, si tiene la presentazione del volume di Paolo Favilli dal titolo "Marx, marxismo: tra «renaissance» teorica e storia".

Presentazione del volume:

Marx, marxismo: tra «renaissance» teorica e storia

di Paolo Favilli

LUNEDÌ 20 febbraio 2016
ORE 18.00
in Aula magna

Tavola rotonda con l’autore, Maria Grazia Meriggi e Salvatore Veca

 

Favilli2

L’immagine che appare in questa locandina, la copertina del magazine ;Neue Zeit» dell’ultima settimana del gennaio scorso, è uno dei tantissimi segni di quella che, negli ultimi anni, è stata chiamata «Marx renaissance». Un fenomeno, certo, di grande importanza, ma legato sostanzialmente alla dimensione del marxismo teorico. Nella serata presentata da questo invito, invece, l’accento verrà messo più sulla storia che sulla teoria.

Del resto il titolo del libro da cui prenderà avvio la discussione, ll marxismo e le sue storie, è pensato in modo che il lettore si concentri soprattutto sulla sua seconda parte: le... storie. Tali «storie» vogliono essere un contributo di conoscenza dell’oggetto «marxismo». Questione assai complessa, visto che la difficoltà a rispondere alla domanda: «che cos’è il marxismo?», implica necessariamente anche la difficoltà a rispondere alla domanda: «che cos’è la storia del marxismo?».

In un volume edito vent’anni fa, la cui traduzione inglese esce in contemporanea a questo libro, Paolo Favilli si è provato a dare una risposta non in termini teorici, ma attraverso una grossa sintesi analitica, risultato di un lungo periodo di ricerca su ogni tipo di fonte: alta o bassa. Ora in questo volumetto vengono rese esplicite le scelte di metodo di allora, scelte di metodo che hanno dato senso al termine «storia» per un oggetto la cui vicenda è stata studiata quasi sempre tramite lo svolgimento di lineamenti teorici. Qui, e nel libro di vent’anni fa, invece, la storia del marxismo si concretizza nel sistema di relazioni tra le sue forme, le quali si presentano, a loro volta, come incroci, risultanti di percorsi molteplici. Una proposta non usuale tra le molte storie del marxismo. 

Letto 280 volte