«State attenti a ciò che buttate, potreste ritrovare brutte sorprese...»

Scritto da

La classe 1R del Liceo cantonale di Lugano 1, coordinata dal prof. Luca Paltrinieri, ha partecipato al concorso “Creare eventi”, indetto nell’ambito del progetto “MODUSRICICLANDI”.

Il progetto è inserito nel Piano Integrato Transfrontaliero (PIT), sostenuto da Unione Europea e Regione Lombardia, che vede la collaborazione di Provincia di Varese e Canton Ticino attraverso l’Azienda Cantonale dei Rifiuti (ACR) nella ricerca di nuovi percorsi di responsabilità sulle problematiche dei rifiuti. “Modusriciclandi” (www.modusriciclandi.info) svolge diverse azioni con obiettivi transfrontalieri comuni, come ridurre la produzione dei rifiuti, aumentare la raccolta differenziata, contrastare l’abbandono dei rifiuti e più in generale attivare nel territorio comportamenti e pratiche sostenibili.

L’evento pensato e realizzato dalle allieve e dagli allievi della 1R si è svolto martedì 3 giugno 2014 dalle 11.45 alle 15.20 e ha previsto le seguenti attività: una manifestazione sul piazzale del Liceo (raccolta differenziata dei rifiuti), degli interventi, svolti dagli allievi stessi secondo il principio della “sensibilizzazione tra pari”, in cinque classi di prima liceo, e una mostra (allestita al primo piano del Palazzo degli studi, dal 2 al 6 giugno) sull’uso parsimonioso delle risorse, il riciclaggio delle materie e il fenomeno del “littering”. Altro materiale di sensibilizzazione sul tema trova e troverà spazio in una pagina dedicata sul sito del liceo (www.liceolugano.ch).

Gli obiettivi dell’evento sono quelli di rendere partecipi i compagni di un percorso didattico che gli studenti della 1R hanno svolto in classe. Questo percorso vuole far prendere coscienza della necessità di un uso parsimonioso delle risorse naturali e del problema della enorme produzione di rifiuti legata allo stile di vita occidentale di tipo consumistico e del problema del loro smaltimento. Tuttavia, gli studenti, attraverso gli interventi nelle classi e la mostra, proporranno anche una soluzione, quella delle cosiddette “4R”: “Rifiuta, Riutilizza, Riduci e, da ultimo, Ricicla”.

Rifiuta: non accettare nuovi potenziali rifiuti alla base dei tuoi acquisti (bottigliette di PET, sacchetti di plastica, imballaggi). Utilizza borracce o sacchetti di stoffa.

Riutilizza: eventuali rifiuti possono essere utilizzati più volte prima di essere gettati. Pensa ai sacchetti di plastica o alle bottigliette di PET.

Riduci: riduci la quantità di rifiuti alla base, porta con te i sacchetti di tela quando fai la spesa, evita di acquistare prodotti con degli imballaggi.

Ricicla: utilizza prodotti per cui sai che gli imballaggi, o i prodotti stessi, possono essere facilmente riciclati. Getta poi il rifiuto nel cassonetto giusto.”

Da ultimo, gli studenti della 1R hanno voluto far riflettere i compagni anche sul problema del “littering”. A questo proposito, con la collaborazione del bidello, hanno raccolto in un cilindro in plexiglas di 2m di altezza, esposto nella mostra, la quantità di rifiuti trovati per terra attorno al liceo nel corso di un mese.

Letto 3780 volte