Finale del concorso nazionale Science on the move - VIDEO

Scritto da

Il 26 giugno 2015 si è svolto l’evento finale del concorso nazionale Science on the move 2015 nella sede della Roche a Basilea. Delle quattro sezioni BIC di IIIa che hanno partecipato (3G, 3LM, 3HN, 3JN), la classe 3HN si è qualificata tra le migliori dieci a livello svizzero e ha quindi partecipato all’evento finale di Basilea accompagnata dai professori Manuela Varini e Francesco Fiorito. 

Il concorso era suddiviso in più tappe:

  1. ‘Task 1’: Svolgimento di un esperimento scientifico sul comportamento animale di piccoli crostacei chiamati Artemie e redazione di un rapporto in inglese sui risultati ottenuti.
  2. ‘Task 2’: Svolgimento di un esperimento sulla crescita delle radici ed elaborazione di un poster scientifico in inglese per la presentazione dei risultati.
  3. Evento finale: esposizione di 5 minuti in inglese sull’esperienza vissuta, sui due esperimenti e sul lavoro svolto in generale.

Pur essendo alla terza edizione del concorso, è la prima volta che una classe ticinese partecipa all’evento conclusivo, passando sia primo e il secondo turno.

I nostri allievi hanno ricevuto la possibilità di visitare un centro della Roche l’anno prossimo o di effettuare degli esperimenti nei loro laboratori.

Gli allievi sono stati bravissimi e si sono impegnati molto. La 3HN nel quadro del ‘Task 1’ ha dato dell’etanolo alle Artemie e analizzato i cambiamenti comportamentali, mentre per il ‘Task 2’ ha deciso di vedere se aggiungendo la pillola anticoncezionale polverizzata nell’acqua nelle vaschette per la crescita del crescione vi sarebbero stati dei cambiamenti nella crescita delle radici e delle piante. Si tratta di una tematica importante, in quanto gli steroidi della pillola anticoncezionale, tramite l’urina, raggiungono i corsi d’acqua, andando ad aggiungersi a quelli che vengono riversati nell’ambiente in enormi quantità da parte dell’agricoltura e dell’industria. Si sa infatti che questi steroidi hanno un impatto negativo per gli organismi animali, poco si sa invece sull’effetto degli ormoni animali sui vegetali. Dal loro esperimento hanno potuto constatare un mutamento nella crescita delle piante, come riportato anche da alcuni studi scientifici simili.

Gli allievi hanno svolto entrambi gli esperimenti con passione e si sono impegnati molto anche nell’ideazione dello spettacolo finale di presentazione dei loro risultati: 

Letto 2125 volte