Progetto ‘Sale in zucca’. Orto e Giardino delle zucche In evidenza

Scritto da

A seguito della visione del documentario Domani di Cyril Dion e Mélanie Laurent con una quindicina di classi del Liceo di Lugano 1 al Cinestar, la classe di BIC 3HL, e gli allievi di FAM della 3H, hanno espresso alle professoresse Paola Manghera, geografia, e Manuela Varini, biologia, l’interesse di creare un orto didattico e urbano a scuola.

In seguito è stata coinvolta anche la classe di BIC 3NL e i loro compagni di FAM. È nato quindi questo progetto suddiviso in due fasi, in collaborazione con Lugano al Verde (Città di Lugano), L’Alberoteca, ProSpecieRara (PSR), le Scuole medie di Lugano 1, il Museo cantonale di storia naturale (MCSN), la COOP, la Falegnameria Radical e Azzurro Imaging.

Il progetto "Sale in Zucca" si sviluppa in due fasi:

  1. La prima fase del progetto comporta la creazione di un orto scolastico sugli spazi esterni del liceo tra la primavera e l’autunno 2017, con la coltivazione di diverse varietà di zucche, ma anche di mais, fagioli, alcune varietà di carote e coste, piante aromatiche e fiori commestibili e decorativi.
  2. Per la seconda fase è invece prevista l’ideazione del ‘Giardino delle zucche’ da parte delle due classi di BIC menzionate in collaborazione con Lugano al Verde, L’Alberoteca e il sostegno degli altri enti indicati.

Per la prima fase sono state coinvolte anche le classi 1A, 1C, 1N, 1R, 2A e 2J, come pure le docenti di biologia Isabella Bustelli e Vania Della Chiesa. Inoltre, il gruppetto di scuola speciale inserito negli spazi del LiLu1, con la loro insegnante, Giovanna Solari, si è proposto per una collaborazione per entrambe le fasi.

Attraverso questo progetto gli studenti seguiranno un percorso formativo che li porterà a sviluppare uno spirito critico e un interesse autentico per l’ambiente e il territorio in cui vivono. Infatti, esso si propone di stimolare una didattica che porti le classi a confrontarsi direttamente con la realtà e a migliorare la sostenibilità del proprio territorio. Inoltre, l’orto urbano rappresenta un esempio positivo di condivisione e collaborazione tra persone, oltre a promuovere la valorizzazione degli spazi cittadini.

Lo sviluppo dell’agricoltura nel territorio urbano vuole anche essere un nuovo modello basato su un vivere maggiormente legato al contatto con la terra e con la natura. Questi nuovi modelli di città non sono solo studiati in aula come normalmente accade nelle ore di geografia, ma sono vissuti in prima persona. 

 Scarica in allegato la descrizione del progetto nella sua totalità e guarda la galleria delle immagini

Letto 589 volte