Account
Please wait, authorizing ...
×
Mercoledì, 26 Gennaio 2022 22:10

“L’infanzia al tempo delle leggi razziali. Persecuzione antisemita e fuga verso la libertà”. Giornata della memoria 2022

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Mercoledì 26 gennaio si tiene la Giornata della Memoria al Liceo cantonale di Lugano 1. Gli storici Anna Foa o Gianluca Gabrielli affronteranno il tema de "l’infanzia al tempo delle leggi razziali. Persecuzione antisemita e fuga verso la libertà".

Per celebrare la “Giornata della Memoria” (27 gennaio), il Gruppo di Storia del nostro Liceo ha ritenuto utile e interessante portare all’attenzione delle studentesse e degli studenti di quarta il tema del razzismo e dell’antisemitismo nell’Italia fascista. Allo scopo, è stata organizzata una conferenza a distanza con

la prof.ssa Anna Foa
e il prof. Gianluca Gabrielli

mercoledì 26 gennaio 2022 dalle ore 13.45 alle ore 15.20

L’intervento di Anna Foa sarà incentrato sull'antisemitismo in Italia durante il fascismo e le sue conseguenze, mentre Gianluca Gabrielli proporrà una breve conferenza dal titolo “Insegnare il razzismo nella scuola fascista”. In seguito, ci sarà spazio per la discussione ed eventuali domande.

La moderazione e il coordinamento sono curati dal prof. Alessandro Frigeri.

Guarda i filmati delle due conferenze


 

L'attività è svolta in collaborazione con l'Associazione ticinese degli insegnanti di storia (www.atistoria.ch) e si inserisce in un contesto più ampio dal titolo "L’infanzia al tempo delle leggi razziali. Persecuzione antisemita e fuga verso la libertà" che tocca, oltre alla situazione italiana durante le leggi razziali, anche il capitolo della fuga verso la Svizzera con il conseguente accoglimento o respingimento da parte delle autorità elvetiche.

In particolare si segnala il dossier didattico reso disponibile sul sito dell'associazione (https://www.atistoria.ch/risorse/dossier-atis/dossier-infanzia-leggirazziali), In esso le docenti e i docenti possono trovare diverso materiale per affrontare la tematica: alcune fonti coeve, diversi approfondimenti storiografici, una serie di testimonianze video, vari proposte didattiche e, soprattutto, i quaderni e i diari di allievi e allieve dell'epoca. Dal 27 gennaio saranno inoltre resi disponibili sul sito anche i filmati delle attività svolte a distanza e in presenza durante questa settimana.

§§

Anna Foa, nata nel 1945, è figlia di Vittorio Foa, giornalista, scrittore e politico, imprigionato nelle carceri fasciste dal 1935 al 1943. Già docente di storia moderna presso La Sapienza di Roma, Anna Foa si è occupata tra l’altro di storia della cultura nella prima età moderna, di storia della mentalità, di storia degli ebrei europei e di geografia degli insediamenti ebraici in Italia. Con Anna Bravo è tra le maggiori studiose della condizione femminile nella Shoah.

Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: Ateismo e magia, Edizioni dell'Ateneo 1980; Giordano Bruno, il Mulino 1998; Ebrei in Europa. Dalla peste nera all’emancipazione XIV-XIX secolo, Laterza 2004; Diaspora. Storia degli ebrei nel Novecento, Laterza 2009; Eretici. Storie di streghe, ebrei e convertiti, il Mulino 2011; Andare per ghetti e giudecche, il Mulino 2014. Il suo ultimo volume, scritto con Lucetta Scaraffia, è Anime nere. Due donne e due destini nella Roma nazista, Marsilio 2021.

Gianluca Gabrielli è insegnante nella scuola primaria dal 1996. Ha esercitato la docenza in Storia del razzismo all’Università di Bologna e ha conseguito il dottorato di ricerca in Human sciences presso l’Università di Macerata. I suoi interessi di ricerca scientifica si concentrano attualmente sulla storia del razzismo, con speciale riferimento al razzismo coloniale, e sulla storia della scuola, con particolare riferimento alla trasmissione dei contenuti di insegnamento sull'alterità coloniale e “razziale”.

Tra le numerose pubblicazioni di Gabrielli ricordiamo: Insegnare il razzismo. Docenti e presidi di fronte al razzismo di stato fascista, “Quaderno Cesp”, gennaio 2003; L’offesa della razza. Razzismo e antisemitismo dell’Italia fascista, a cura di R. Bonavita, G. Gabrielli, R. Ropa, Patron 2005; Quando suona la campanella. Racconti di scuola, a cura di P. Castello, G. Gabrielli, L. Lollini, A. Palmi, R. Puleo, S. Santuccio, Manifestolibri 2006; La scuola fascista. Istituzioni, parole d'ordine e luoghi dell'immaginario, a cura di G. Gabrielli e D. Montino, Ombre corte 2009. 

 

Letto 913 volte Ultima modifica il Domenica, 20 Febbraio 2022 09:54

IL LICEO CANTONALE DI LUGANO 1

Il Liceo cantonale di Lugano 1 è nato come unico liceo del Canton Ticino nell'anno scolastico 1852-1853.  Nei suoi primi anni di vita il liceo contava dai 20 ai 30 studenti. Attualmente nel Canton Ticino esistono 6 istituti di studi superiori. 
Oggi, il solo Liceo cantonale di Lugano 1 conta 50 classi e più di mille studenti.


Indirizzo

Liceo cantonale di Lugano 1
Viale Carlo Cattaneo 4
6900 Lugano
tel. +4191 815 47 11
www.liceolugano.ch

© 2020 LICEO CANTONALE DI LUGANO 1
VIALE CARLO CATTANEO 4 - 6900 LUGANO