Visita alla Mostra audio-pittorica «I’m here now. Racconti dei giovani esuli dalle terre della ex Jugoslavia»

Scritto da
Nell'ambito del progetto d'Istituto «L'uomo è antiquato?» le classi 2M, 3F, 3J, 3L, 4J, 4G, 4L del nostro istituto visitano l'esposizione audio-pittorica «I’m here now. Racconti dei giovani esuli dalle terre della ex Jugoslavia» allestita allo Studio Foce di Lugano.
All’inaugurazione della mostra I Am Here Now. Racconti dei giovani esuli dalle terre della ex Jugoslavia il 10 maggio presso la Biblioteca Cantonale di Bellinzona, Aldo Sofia ha commentato durante il suo prezioso intervento:
“Ma che brutta cosa la chiusura mentale, ma che brutta cosa la paura dell’altro, che brutta cosa continuare a dire “i ma portan via quaicos, al’è me!”. Io trovo tutto questo assolutamente triste, certo… e questo è quello che chiedo, per finire, a chi ha tanto lavorato per integrarsi, per “essere qui oggi” come dice il titolo giusto di questa rassegna, allora dico che bisogna capire chi si ha di fronte. E loro che sono arrivati da quelle tragedie devono capire anche certe ansie che esistono, inutile negarlo, vanno aiutati a capire. Credo che l’unico modo per evitare – chissà se ci riusciremo mai – di continuare su questa strada, sia quella di aiutarli a capire.”

Aldo Sofia ha colto l’essenza dell’obiettivo comunicativo e globale del progetto I Am Here Now, ovvero il tentativo di invitare l’essere umano a capire sempre chi si ha di fronte.

Il curatore Alan Alpenfelt commenta in questo modo gli obiettivi di questa esposizione:
"«I Am Here Now. Racconti dei giovani esuli dalle terre della ex Jugoslavia» vorrebbe mostrare cosa sia successo alle persone che la guerra l’hanno vissuta, nelle sue diverse sfaccettature e da parti differenti, ma che hanno un punto in comune, cioè essere rimaste nel paese che le ha ospitate durante il conflitto. A vent’anni dalla fine dell’ultimo grande conflitto europeo, ricostruiamo alcune storie di esuli moderni, che hanno ormai trascorso la maggior parte della loro vita in Svizzera. In questo luogo per loro sconosciuto, mischiati agli altri cittadini e lasciandosi apparentemente scomparire le tracce del loro passato, si sono dovuti reinventare un’identita’, malgrado il vissuto dell’esperienza piu’ tragica per l’essere umano: la guerra."

I racconti dei giovani rifugiati sono stati letti e registrati. L'artista Ravi Tironi ha deciso di accompagnare ogni racconto con pitture su teli verticali 2m x 1m, ricreando uno specchio per ognuno di noi che non riflette sé stessi ma riflette piuttosto quello che si potrebbe essere, in qualunque epoca, passato o futuro.

I Am Here Now dice basta alla sofferenza creata dai forti e invita a guardare ed ascoltare l’altro come se fosse lui stesso.

Dal 23 al 30 novembre I AM HERE NOW si sposta al Teatro IL FOCE per una settimana. La mattina sarà aperta al pubblico studentesco: classi delle scuole superiori visiteranno la mostra partecipando sia alle storie che a una discussione sui temi legati al progetto.

Per chi volesse appronfodire i temi e i racconti dell'esposposizione si rimanda al sito: www.iamherenow.ch.

Ascolta i racconti di «I Am Here Now»:

Letto 54053 volte

IL LICEO CANTONALE DI LUGANO 1

Il Liceo cantonale di Lugano 1 è nato come unico liceo del Canton Ticino nell'anno scolastico 1852-1853.  Nei suoi primi anni di vita il liceo contava dai 20 ai 30 studenti. Attualmente nel Canton Ticino esistono 6 istituti di studi superiori. 
Oggi, il solo Liceo cantonale di Lugano 1 conta 50 classi e più di mille studenti.


Indirizzo

Liceo cantonale di Lugano 1
Viale Carlo Cattaneo 4
6900 Lugano
tel. +4191 815 47 11
www.liceolugano.ch

© 2020 LICEO CANTONALE DI LUGANO 1
VIALE CARLO CATTANEO 4 - 6900 LUGANO