Matematica: Piano degli Studi

Scritto da
Jacopo de' Barbari, Ritratto di Luca Pacioli (1495) Jacopo de' Barbari, Ritratto di Luca Pacioli (1495)

Questo programma - inteso dal gruppo disciplinare del Liceo di Lugano 1 come programma minimo - è basato, per ciò che concerne gli aspetti fondamentali dell'insegnamento, sui documenti cantonali Obiettivi del settore di studio Matematica e scienze sperimentali (1997), Aspetti metodologici (1997), Classificazione cognitiva degli obiettivi di apprendimento (1997), disponibili in tutti gli Istituti.

In particolare l'organizzazione del nuovo liceo, che prevede la presenza simultanea di fisica, chimica e biologia nel primo anno, offre alla matematica un'occasione assai notevole di cooperare interdisciplinarmente con le scienze sperimentali. Un'ulteriore (e ancora più qualificata) occasione di interdisciplinarità sarà fornita dalle opzioni specifiche di carattere scientifico, "fisica e applicazioni della matematica" e "chimica e biologia", alle quali si accederà attraverso una matematica ‘forte'.

Non facile, e tuttavia possibile, sarà la realizzazione di tale cooperazione interdisciplinare, una delle idee-cardine del nuovo ordinamento. La matematica continuerà, da un lato, a ricoprire quello che è stato un suo fondamentale ruolo storico (fornire alle scienze sperimentali strumenti per l'indagine e la formulazione delle leggi); dall'altro non mancherà di svolgere una funzione di collegamento e di stimolo: si potrebbe dire una funzione ‘unificante', se il termine non suonasse eccessivamente ambizioso.

Il piano di studi per la matematica è scaricabile qui in formato PDF oppure in calce alla pagina ("Scarica allegati").
Altro in questa categoria: Matematica: Benvenuti »